Apollo e Dafne

Segretario Generale

SEGRETARIO GENERALE


dott. Salvatore NASTASI 
Via del Collegio Romano, 27 - 00186 ROMA 
tel. +39 0667231 (centralino) 06.6723.2433 .2002 Fax: 06.6723.2705
PEO sg@beniculturali.it  PEC mbac-sg@mailcert.beniculturali.it


1.    Il Segretario generale assicura il coordinamento e l’unità dell’azione amministrativa, elabora le direttive, gli indirizzi e le strategie concernenti l’attività complessiva del Ministero, coordina gli uffici e le attività del Ministero, vigila sulla loro efficienza e rendimento e riferisce periodicamente al Ministro gli esiti della sua attività. Il Segretario generale coordina inoltre le direzioni generali centrali e gli uffici dirigenziali generali periferici del Ministero ed è responsabile direttamente nei confronti del Ministro dell’attività di coordinamento e della puntuale realizzazione degli indirizzi impartiti dal Ministro. Il Segretario generale esercita poteri di direzione, indirizzo e coordinamento e controllo sui segretari regionali del Ministero con riferimento alle loro funzioni ispettive e di coordinamento, ferme restando le competenze attribuite alla Direzione generale Organizzazione.
2.    Il Segretario generale, in attuazione degli indirizzi del Ministro, in particolare:
a)    esercita il coordinamento dell’attività degli uffici, anche attraverso la convocazione periodica in conferenza, anche con modalità telematiche o  informatiche, dei direttori generali centrali per l’esame di questioni di carattere generale o di particolare rilievo oppure afferenti a più competenze; può convocare anche i titolari degli uffici dirigenziali generali periferici del Ministero; la conferenza dei direttori generali centrali, dei titolari degli uffici dirigenziali generali periferici e dei segretari regionali è in ogni caso convocata ai fini del coordinamento dell’elaborazione dei programmi annuali e pluriennali di cui alla lettera i);
b)    coordina le attività delle direzioni generali centrali, nelle materie di rispettiva competenza, per le intese istituzionali di programma di cui all’articolo 2, com- ma 203, lettera b), della legge 23 dicembre 1996, n. 662; coordina altresì, tramite le direzioni generali competenti, gli uffici dirigenziali generali periferici del Ministero;
c)    in caso di inerzia, sollecita i direttori generali cen- trali, i titolari degli uffici dirigenziali generali periferici del Ministero e, sentiti i direttori generali competenti, i segretari regionali responsabili e adotta le opportune prescrizioni; in caso di perdurante inerzia e di inottemperanza alle proprie prescrizioni specifiche, il Segretario generale si sostituisce al responsabile dell’ufficio e adotta tutti gli atti necessari; risolve altresì ogni eventuale conflitto di competenza tra i diversi uffici dirigenziali di livello generale;
d)    concorda con i direttori generali competenti le determinazioni da assumere in sede di conferenza di servizi per interventi di carattere intersettoriale e di dimensione sovraregionale;
e)    partecipa alle riunioni del Consiglio superiore Beni culturali e paesaggistici, senza diritto di voto;
f)    coordina le iniziative in materia di sicurezza del patrimonio culturale, nonché gli interventi conseguenti a emergenze di carattere nazionale e internazionale, dando indirizzi alla Direzione generale Sicurezza del patrimonio culturale e in collaborazione con le altre istituzioni competenti; coordina l’attività di tutela in base a criteri uniformi ed omogenei sull’intero territorio nazionale;
g)    raccoglie, coordina e analizza i fabbisogni del pa- trimonio immobiliare e mobiliare, di beni e di servizi del Ministero; cura i rapporti con l’Agenzia del demanio, ferme restando le attività di razionalizzazione degli immobili e degli spazi svolte dalla Direzione generale Archivi e della Direzione generale Biblioteche e diritto d’autore; provvede altresì alla definizione di criteri uniformi per  la determinazione dei canoni concessori da parte degli  uffici;
h)    coordina la predisposizione delle relazioni ai sensi di legge alle istituzioni ed agli organismi sovranazionali e al Parlamento, anche ai sensi dell’articolo 84 del de- creto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, recante «Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137, di seguito denominato:
«Codice»;
i)    coordina gli esiti delle elaborazioni dei programmi annuali e pluriennali del Ministero e dei relativi piani di spesa, da sottoporre all’approvazione del Ministro, anche sulla base delle risultanze delle riunioni della conferenza di cui alla lettera a);
l)    formula proposte al Ministro, sentiti i direttori generali centrali, i titolari degli uffici dirigenziali di livello generale periferici e i segretari regionali, ai fini dell’esercizio delle funzioni di cui all’articolo 4, comma 1, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
m)    coordina le attività di rilevanza europea e internazionale, ivi inclusa la programmazione dei fondi comunitari diretti e indiretti, anche svolgendo, ove richiesto e comunque nel rispetto della normativa europea in materia, le funzioni proprie della autorità di gestione dei programmi comunitari; coordina i rapporti con l’UNESCO e promuove l’iscrizione di nuovi siti e di nuovi elementi nelle liste del patrimonio mondiale materiale e immateriale, sulla base dell’attività istruttoria compiuta dalle competenti direzioni generali;
n)    cura l’elaborazione, entro il 31 ottobre di ciascun anno, sulla base delle proposte e delle istruttorie curate dal- le direzioni generali centrali competenti, dagli istituti di cui all’articolo 33 e dai segretariati regionali, del Piano strategi- co «Grandi Progetti Beni culturali», di cui articolo 7, com- ma 1, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106; entro il 15 marzo di ciascun anno predispone una relazione concernente gli interventi del Piano strategico già realizzati e lo stato di avanzamento di quelli avviati nell’anno precedente e non ancora conclusi; sovraintende altresì la procedura per il conferimento del titolo di Capitale italiana della cultura;
o)    cura l’istruttoria dei programmi e degli atti da sottoporre al CIPE, fornendo adeguato supporto ai competenti Uffici di diretta collaborazione del Ministro;
p)    coordina le attività per la realizzazione di interventi sul territorio di particolare complessità e rilievo strategico, in attuazione delle direttive del Ministro;
q)    assicura, in raccordo con l’Ufficio  stampa  e con  la Direzione generale Organizzazione, l’attività di comunicazione interna diretta agli uffici centrali e periferici del Ministero;
r)    si raccorda con la Direzione generale Organizzazio- ne per l’allocazione delle risorse umane e la mobilità delle medesime tra le diverse direzioni ed uffici, sia centrali, sia periferici, anche su proposta dei relativi direttori;
s)    assicura l’adempimento degli obblighi in materia di anticorruzione; coordina il Servizio ispettivo e approva il programma annuale dell’attività ispettiva, anche sulla base degli indirizzi impartiti dal Ministro;
t)    svolge i compiti di autorità centrale prevista dall’ar- ticolo 4 della direttiva 2014/60/UE, del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, relativa alla restitu- zione dei beni  culturali  usciti  illecitamente  dal  territorio di uno Stato membro, e che modifica il regolamento (UE)
n. 1024/2012; assicura altresì il coordinamento delle poli- tiche dei prestiti all’estero dei beni culturali, in attuazione delle direttive del Ministro;
u)    cura i rapporti del Ministero con le centrali di committenza per l’affidamento dei contratti di appalto o di concessione, definendo i criteri, le modalità e le condi- zioni per farvi ricorso; svolge altresì attività di indirizzo, supporto e consulenza, anche mediante l’elaborazione di schemi di bandi e capitolati e convenzioni-tipo, agli uffici centrali e, per il tramite dei Segretariati regionali, a quelli periferici in materia di contratti pubblici, di rapporti di partenariato pubblico-privato, anche istituzionalizzato, per la valorizzazione e l’uso del patrimonio culturale, nonché di sponsorizzazioni;
v)    cura le attività, raccordandosi con le direzioni generali e gli uffici periferici competenti, relative alla partecipazione del Ministero a eventi e manifestazioni in Italia e all’estero;
z) esercita le funzioni di indirizzo e, d’intesa con la Direzione generale Bilancio quanto ai profili finanziari e contabili, di vigilanza, sull’Istituto per il credito sportivo, limitatamente agli interventi in materia di beni e attività culturali.
3.    Il Segretario generale del Ministero è nominato ai sensi dell’articolo 19, comma 3, del decreto legislativo
n. 165 del 2001, e, in conformità a quanto disposto dall’ar- ticolo 6 del decreto legislativo n. 300 del 1999, opera alle dirette dipendenze del Ministro.
4.    Presso il Segretariato generale operano la Commissione consultiva per i piani di gestione dei siti e degli ele- menti Unesco e per i sistemi turistici locali di cui all’articolo 5 della legge 20 febbraio 2006, n. 77, e il Nucleo di valutazione degli atti dell’Unione europea di cui all’articolo 20 della legge 24 dicembre 2012, n. 234.
5.    Il Segretariato generale costituisce centro di responsabilità amministrativa ai sensi dell’articolo 21, comma 2, della legge 31 dicembre 2009, n. 196.
6.    Il Segretariato generale si articola in sette uffici dirigenziali di livello non generale, compreso il Servizio ispettivo, al quale sono assegnati anche tre dirigenti con funzioni ispettive, individuati ai sensi dell’articolo 17, comma 4-bis, lettera e), della legge 23 agosto 1988,
n. 400, e dell’articolo 4, commi 4 e 4-bis, del decreto legi- slativo n. 300 del 1999.

(Art. 13 del DPCM  2 dicembre 2019, n. 169)

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazioni sui cookies