Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma

Luoghi della Cultura


    Rocca Maggiore



    Fedeli, Marcello; jpg; 1417 pixels; 2126 pixels
    Rocca Maggiore. Ingresso
    Italia
    Nel punto più alto della città, la rocca Maggiore di Assisi è raggiungibile salendo da via Porta Perlici, nei pressi della cattedrale di San Rufino, o percorrendo la circonvallazione esterna che arriva sulla cima del colle Asio. Le prime notizie storiche sulla struttura fortificata si hanno negli anni 1173-1174 quando vi soggiornò Cristiano, arcivescovo di Magonza, che occupò Assisi per conto di Federico Barbarossa. Nel 1198 fu distrutta da una sommossa popolare. Secondo la tradizione, in quella occasione la cittadinanza cacciò il duca di Spoleto Corrado di Ursilengen ed il piccolo Federico II di soli 4 anni. La rocca rimase in uno stato di abbandono fino al 1362 quando il cardinale Egidio Albornoz decise di ricostruirla sulla base dell’antica fortificazione germanica. La rocca Maggiore guarda imponente e austera il centro storico sottostante, la stretta gola attraversata dal fiume Tescio e gran parte della Valle Umbra, che si estende da Perugia a Spoleto: visitarne la struttura dà quindi l’opportunità di osservare un significativo esempio di architettura militare trecentesca ancora ben conservato, godendo di un panorama tra i più suggestivi dell’Umbria. Il percorso si articola all'interno dell’edificio albornoziano, a pianta quadrata costituito da una torre maestra e maschio angolato, integrato durante i secoli attraverso un sistema di muraglie munite di torri. Nel periodo della signoria di Biordo Michelotti (1394-1398) vennero eseguiti numerosi interventi di manutenzione e restauro, in più parti compaiono le sue armi scolpite. Nel 1458, per ordine di Jacopo Piccinino, venne innalzato il torrione poligonale a nord-ovest. L’anno dopo Papa Pio II volle la costruzione del corridoio che unisce la rocca alla torre dodecagonale. La porta d’ingresso vicino al maschio fu realizzata nel 1484, sopra di essa si trovano tre stemmi, al centro quello di Sisto IV. Alla fine del Quattrocento la rocca divenne scenario di lotte cruente fra le famiglie Fiumi e Nepis. Dal 1501 vi si stabilì Cesare Borgia e poi la sorella Lucrezia. L’ultimo importante intervento sulla rocca di Assisi si ebbe nel 1535 quando Papa Paolo III fece costruire il bastione circolare. Dopo la principale funzione difensiva, la rocca divenne residenza dei castellani deputati al controllo del territorio; in seguito fu adibita a carcere e poi a magazzino. Nuovamente valorizzata e restaurata oggi è visitabile. L’ingresso si apre nei pressi del bastione cinquecentesco, all’interno si trova un cortile pavimentato con mattoni trecenteschi; adiacente è il cassero, dove erano disposti gli ambienti di servizio. Il maschio fungeva da abitazione del castellano, in questo si sovrappongono cinque ambienti uniti da una scala a chiocciola.


    english
    The “Rocca Maggiore” Fortress Standing on the highest hillside of the town, the Rocca Maggiore fortress of Assisi is reachable by going up Via Porta Perlici, near the Cattedrale of San Rufino, or by taking the exterior beltway that arrives right at the top of the Asio Hill. The first historical records of this fortified structure date back to 1173-1174, when Christian, Archbishop of Mainz, sacked Assisi on behalf of Emperor Frederick Barbarossa. In 1198, a popular uprising tore down the Fortress. Tradition says that on this occasion the townspeople kicked out Conrad I von Urslingen, the Duke of Spoleto, together with the little Frederick II, who at the time was only four years old. What remained of the fortress remained neglected until 1362, when Cardinal Gil Albornoz decided to rebuild it over the ancient German fortifications. The imposing and austere Rocca Maggiore fortress overlooks the historical city center of Assisi, the Tescio River’s narrow ravine standing below and a large part of the Umbrian Valley, which extends from Perugia to Spoleto. Visiting its structure provides the opportunity to observe a significant example of still well preserved 14th century military architecture, and at the same time to enjoy one of the most suggestive panoramas of Umbria. The itinerary of the Tour introduces the visitor inside the Albornoz style fortress—with its squared plan—that consists of a Keep and a Polygonal Tower and has been integrated during the centuries with a surrounding system of walls and towers. At the time of the Signoria of Biordo Michelotti—ruling between 1394 and 1398—several interventions of maintenance and restoration were executed; his coat of arms is sculpted in various parts of the fortress. In 1458, to its northwest side, a Polygonal Tower was raised under the orders of Jacopo Piccinino. The next year, Pope Pius II ordered the construction of the Corridor that connected the Rocca with the Polygonal Tower. The entrance door near the Keep was opened in 1484; three coats of arms are sculpted above it, the one at the center is that of Pope Sixtus IV. At the end of the 15th century the Rocca became the theater of vicious fights between the families of the Fiumi and the Nepis. In 1501, first Cesare Borgia and later his sister Lucrezia settled to live there. The last important construction interventions on the Rocca fortress were executed in 1535, when Pope Paul III ordered the construction of the Circular Bastion. After its primary defensive function, the Rocca Maggiore became a residence of the castellans, custodians charged with the security of the surrounding territory. It later became a prison and then a warehouse. Appreciated again, and enhanced by restoration work, the Rocca can be visited by tourists today. The entrance door opens near the 16th century Bastion; inside there is a Courtyard, all paved with bricks of the 14th century; on the side there is the Donjon, where the service rooms were located. The Keep was the house of the castellan; there are five rooms inside it—one above the other—that are joined together by a spiral staircase.



Info:

Gestore per la tutela: DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DELL'UMBRIA
Proprietà: Comune

Responsabile:
Chiusura settimanale: 25/12 E 01/01
Comune: Assisi
Indirizzo: Piazzale delle Libertà Comunali,
CAP: 06081
Provincia: Perugia
Regione: Umbria
Telefono: 075 8155234
Fax: 075 8155234
email: info@assisisi.com


Immagini (cliccare per ingrandire)

Fedeli, Marcello; jpg; 1417 pixels; 2126 pixels
Rocca Maggiore. Ingresso
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Interno. Esposizione di antic
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Balestra a panca. Sec. XV
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Interno.
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Interno. Esposizione delle ba
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Interno.Veduta dei padiglioni
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Interno. Rievocazione storica
Fedeli, Marcello; jpg; 1417 pixels; 2126 pixels
Rocca Maggiore. Interno. Rievocazione storica
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Interno
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Interno
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Interno. Antichi strumenti mu
Fedeli, Marcello; jpg; 1417 pixels; 2126 pixels
Rocca Maggiore. Interno. Camminamento e scala
Fedeli, Marcello; jpg; 1417 pixels; 2126 pixels
Maniglia. Sec. XV
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Mura. Feritoie
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Veduta esterna
Fedeli, Marcello; jpg; 1417 pixels; 2126 pixels
Rocca Maggiore. Veduta esterna
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Veduta esterna
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Veduta esterna
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Veduta esterna
Fedeli, Marcello; jpg; 2126 pixels; 1417 pixels
Rocca Maggiore. Veduta verso Assisi


XML

   Rocca Maggiore

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 06.6723.2980 .2990    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2014 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 01-11-2013 11:09:33 | Rif: 57


Id Asset: 57 Generata il: Tue Sep 23 00:15:44 CEST 2014 Tempo di esecuzione: 159 Categoria: Ricerca (85)