Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma

VENEZIA: AL VIA IL PROGETTO GRANDI GALLERIE DELL’ACCADEMIA
URBANI METTE LA PRIMA PIETRA

comunicato

Pubblicato il 18 dicembre 2009

Stampa

Il Ministro Giuliano Urbani, alla consegna del cantiere delle Grandi Gallerie dell’Accademia di Venezia il 4 febbraio 2005, alle ore 16 , saranno presenti il Capo Dipartimento per i Beni Culturali e Paesaggistici, Roberto Cecchi, il Soprintendente per il Polo Museale Veneziano, Giovanna Nepi Sciré, il Soprintendente BAP-PSAE di Venezia, Renata Codello, il Presidente della Regione Veneto, on. Giancarlo Galan e il Sindaco di Venezia, on. Paolo Costa.
Venezia, Gallerie dell’Accademia
Campo della Carità 1050, ex Aula Magna

MiBAC-Ufficio Stampa 06/67232261
Dip. Beni Culturali e Paesaggistici Ufficio stampa 06/58434417

Il progetto di riqualificazione dello spazio espositivo delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, espone la piu’ imponente raccolta di pittura veneta antica, capolavori della storia dell’arte creati fra il 1300 e il 1800 da artisti come Jacopo e Giovanni Bellini, Tiziano Vecellio, Jacopo Robusti (il Tintoretto) Paolo Caliari detto il Veronese, Giambattista Tiepolo, Vittore Carpaccio, Luca Giordano, Lorenzo Lotto, Giorgio da Castelfranco (il Giorgione), e molti altri autori simboli del talento italiano.

Obiettivo del progetto è dotare la pinacoteca di spazi, strutture e servizi adeguati: con la riqualificazione e l’ampliamento delle superfici espositive, l’adeguamento impiantistico generale e il superamento parziale delle barriere architettoniche, la riorganizzazione delle collezioni e del percorso museale, i nuovi servizi al pubblico. Mille e cento giorni consecutivi di lavoro con una spesa di circa venti milioni di euro porteranno lo spazio delle Gallerie al raddoppio a quota dodicimila metri quadri, duecento le opere in piu’ di cui si potranno ammirare luci, ombre e suggestioni.

La "Madonna con Bambino fra santa Caterina e santa Maddalena" di Giovanni Bellini (1432-1516) la "Presentazione di Gesù al tempio" del Tintoretto (1518-1594) il "Convito in casa levi" del Veronese (1528-1588) sono esempi del valore delle opere conservate nel museo, alcune di grandi dimensioni. Piccolo e supremo, invece, è "l’Uomo Vitruviano" di Leonardo da Vinci (1452-1519), mentre la raccolta del gabinetto delle stampe conta 3143 disegni e pezzi di singolare importanza.

Il museo è situato nel complesso architettonico della Carità, già sede dell’Accademia dei pittori e scultori, dove si trova la scala ovata concepita da Andrea Palladio (insieme alla facciata fra il 1561 e il 1563) e definita da J.W. Goethe "la scala a chiocciola piu’ bella del mondo". Lo spostamento della scuola della Carità nel vicino complesso degli Incurabili lascia spazio al museo, ora al secondo piano e sotto dimensionato rispetto al numero delle opere, esposte a rotazione.


   L’uso delle immagini è consentito ai media, ai fini della promozione dell’intervento di restauro, ampliamento e adeguamento funzionale delle Gallerie dell’Accademia. Ogni altro uso è regolato dalla legge 14 gennaio 1993 (legge Ronchey).

DIPINTI E DISEGNI (cliccare per il download Zip, immagini ad alta risoluzione)

 

DETTAGLI ARCHITETTONICI (cliccare per il download Zip, immagini ad alta risoluzione)






Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 06.6723.2980 .2990    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2014 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 30-01-2005 00:00:00 | Rif: 30878


Id Asset: 30878 Generata il: Sat Dec 20 09:51:02 CET 2014 Tempo di esecuzione: 41 Categoria: Comunicati (665)