Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma

Presentato il Progetto di restauro del Colosseo

iniziativa

Pubblicato il 22 giugno 2011

Prospetti (confronto)
Prospetti (confronto)
Cancellate (confronto)
Cancellate (confronto)
Ambulacri (confronto)
Ambulacri (confronto)
Stampa
Il progetto di restauro del Colosseo entra nella fase esecutiva. I progetti relativi alle cancellate, al restauro dei prospetti e alla realizzazione di un Centro Servizi sono stati perfezionati e gli appalti saranno avviati, ai sensi del nuovo regolamento per i lavori pubblici, a partire da fine luglio 2011.

Il “Piano degli interventi” relativo al Colosseo è promosso dal Commissario delegato per le aree archeologiche di Roma e Ostia Antica d'intesa con la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Roma e finanziato dal Gruppo Tod's SpA.
Nel maggio 2010 il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Comune di Roma hanno condiviso la scelta di ricorrere alla sponsorizzazione per renderne possibile la realizzazione.
Al termine dei lavori la superficie visitabile sarà incrementata del 25%.

partecipano:
Anna Maria Moretti, sopraintendente speciale per i Beni Archeologici di Roma e Ostia Antica (modera)
Roberto Cecchi, segretario generale del MIBAC e Commissario per le aree archeologiche di Roma e Ostia Antica
Diego Della Valle, presidente Gruppo Tod’s Spa
Gianni Alemanno, sindaco di Roma
Gianni Letta, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio
Giancarlo Galan, ministro per i Beni e le Attività Culturali


La procedura di sponsorizzazione è stata avviata il 4 agosto 2010 con la pubblicazione di un bando e ha previsto come termine per la presentazione delle proposte il 30 ottobre 2010.
La procedura di gara si è conclusa con proposte “non appropriate”, pertanto è stata avviata una fase di trattativa, che ha consentito di stipulare il contratto per il finanziamento dei lavori con la Tod's SpA in data 21 gennaio 2011.
La registrazione del contratto è del 20 giugno 2011 e da questo momento è pienamente operativo.
Il contributo omnicomprensivo messo a disposizione dal Gruppo Tod’s SpA è pari a 25 milioni di euro.


Il Piano prevede:

1. la sostituzione dell'attuale sistema di chiusura delle arcate perimetrali (fornici) con cancellate
2. il restauro dei prospetti settentrionale e meridionale
3. il restauro degli ambulacri
4. il restauro dei sotterranei (ipogei)
5. la messa a norma e l'implementazione degli impianti
6. la realizzazione di un centro servizi che consenta di portare in esterno le attività di supporto alla visita che sono attualmente nel monumento (accoglienza, biglietteria, bookshop, servizi igienici).

L'insieme dei lavori indicati richiede una calendarizzazione precisa, in ragione della necessità di mantenere il monumento aperto al pubblico, senza alcuna interruzione. Il Colosseo attrae infatti circa 5 milioni di visitatori all'anno.

I progetti relativi alle cancellate, al restauro dei prospetti e alla realizzazione di un Centro Servizi sono stati perfezionati e sono appaltabili.


In particolare:

Il progetto di sostituzione dell'attuale sistema di chiusura (giunto-tubo) con cancellate riprende la soluzione già sperimentata nelle arcate dell'area Stern, in cui sono stati montati pannelli fissi o apribili a doppia anta in ferro forgiato. Le cancellate da realizzare sono 84, comprese quelle in corrispondenza degli assi principali e di distribuzione interna. Sono previsti anche cancelli carrabili. L'ingresso posizionato presso lo sperone del Valadier prevede una sistemazione analoga a quello dello Stern.

Il progetto di restauro del prospetto settentrionale prevede di intervenire su 31 fornici, con le stesse modalità e tecniche già sperimentate a fine anni Novanta sul settore campione posizionato presso lo sperone del Valadier. La superficie, interamente in travertino, è pari a circa 13.600 mq (comprese le imbotti dei fornici). Agli speroni Stern e Valadier corrisponde una superficie in travertino di circa 2.000 mq, così come la parte in cortina di mattoni pari sempre a circa 2.000 mq. Il settore già interessato dall'intervento di restauro della fine degli anni Novanta comprende quattro arcate e ha una superficie di circa 1.400 mq. Anche in quest'area si prevede di intervenire per armonizzare il risultato dei lavori programmati.
Il sistema di pulitura è stato concordato negli anni Novanta con l'Istituto Centrale per il Restauro del Ministero, oggi Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro, e riconfermato con il medesimo Istituto in occasione di questa nuova fase progettuale: in sostanza la pulitura utilizza il sistema ad acqua nebulizzata. La scelta di questa tecnica dipende dalle sperimentazioni fatte in molti restauri di monumenti lapidei negli anni 1981-1988 (in attuazione della Legge 23 marzo 1981, n. 92).
La nebulizzazione viene effettuata a temperatura ambiente e a pressione atmosferica, senza aggiunta di solventi, né di altre sostanze. Il sistema è in grado di rimuovere i depositi incoerenti di polvere, di sciogliere le croste nere anche fortemente adese, lasciando inalterate le patine del tempo e le eventuali tracce di colore e d’uso.
A seconda delle situazioni, l’irrorazione d’acqua si sviluppa in un arco di tempo compreso tra 25 minuti e 4 ore, il resto del tempo viene impiegato per le operazioni di seguito elencate: interventi integrativi di pulitura, riadesione delle scaglie, trattamento delle parti metalliche, stuccature di fori e cavità e di precedenti restauri. Per realizzare i lavori è necessario suddividere l'intero prospetto in 5 aree di cantiere non contemporanee (ciascuna comprensiva di 10 arcate, esclusi il settore IV e V che riguardano i due speroni), ma tra loro in parziale sovrapposizione. Gli operatori contestualmente presenti su ciascun settore saranno 10 (maestranze specializzate e restauratori).
Il prospetto meridionale, accanto al restauro del materiale lapideo, prevede anche l'intervento sulla cortina in mattoni e sul conglomerato cementizio. Anche in questo caso l'organizzazione è in aree di cantiere non contemporanee, ma in parziale sovrapposizione. I settori sono 4, ciascuno comprensivo di 10-11 arcate.
La superficie complessiva del prospetto meridionale è pari a circa 7.500 mq.
L'impianto di cantiere del prospetto settentrionale e di quello meridionale richiede elevatori: basti pensare che il prospetto settentrionale raggiunge un'altezza di quasi 50 metri.

Il nuovo Centro Servizi sarà realizzato nell’interro esistente nella parte sud della piazza del Colosseo, già sterrato per la costruzione della linea B della metropolitana, e comporterà lo scavo di circa 8.000 mc di terreno.
Le funzioni attualmente presenti nel monumento saranno organizzate in circa 1.600 mq di superficie entro una struttura compositivamente concepita come un grande spazio di matrice circolare di diametro pari a 30 metri, all’interno del dosso erboso.
L'accoglienza, la biglietteria e il bookshop saranno collocati in questo ambiente coperto con una cupola ribassata, mentre le funzioni di servizio saranno distribuite tutt'intorno.
È prevista anche un'area da destinare a bar-caffetteria.

Il progetto è stato concordato con gli uffici del Ministero e di Roma Capitale.

Per quanto riguarda gli altri progetti (ambulacri, sotterranei e impianti), sono in corso di esecuzione cantieri-campione sulla base dei quali perfezionare la pianificazione degli elaborati da porre a base di appalto. Per i sotterranei, in particolare, i lavori compiuti per l'apertura al pubblico dello scorso ottobre costituiscono un riferimento significativo.

Alcune delle procedure di individuazione del contraente sono sopra la soglia comunitaria, dunque richiederanno il rispetto di una tempistica più ampia.
Gli appalti saranno avviati ai sensi del nuovo regolamento per i lavori pubblici a partire da fine luglio 2011.


Redattore: RENZO DE SIMONE




Documentazione:

Comunicato stampa in formato PDF
(documento in formato pdf, peso 337 Kb, data ultimo aggiornamento: 22 giugno 2011 )







Immagini(cliccare per ingrandire)
Prospetti 1
Prospetti 1
Prospetti 2 (rendering – pulitura)
Prospetti 2 (rendering – pulitura)
Cancellate 1
Cancellate 1
Cancellate 2 (rendering – pulitura)
Cancellate 2 (rendering – pulitura)
Ambulacri 1
Ambulacri 1
Ambulacri 2 (rendering – pulitura)
Ambulacri 2 (rendering – pulitura)


Audiovisivi:

23/06/2011 RAI UNO TG1 - 13.30_screenshot
23/06/2011 RAI UNO TG1 - 13.30 - Durata: 00.01.36
Conduttore: MANZIONE NICOLETTA - Servizio di: GIANNI M. ROSARIA
Arte. presentato progetto restauro Colosseo finanziato da Diego Della Valle. Presenti min. Cultura Galan e sind. Roma Alemanno. Int. D. Della Valle (imprenditore), min. Beni Cult. Galan.

23/06/2011 RAI TRE TG3 LAZIO - 14.00_screenshot
23/06/2011 RAI TRE TG3 LAZIO - 14.00 - Durata: 00.02.10
Conduttore: ATTI DI SARRO ALESSANDRA - Servizio di: ANDREA MARINI
Roma. A settembre al via il restauro del Colosseo. Int. G. Alemanno (sindaco Roma); D. Della Valle (imprenditore); min. Beni Culturali G. Galan.

23/06/2011 CANALE 5 TG5 - 13.00_screenshot
23/06/2011 CANALE 5 TG5 - 13.00 - Durata: 00.01.40
Conduttore: RIVETTA PAOLA - Servizio di: ALESSANDRO TALLARIDA
Arte: il restauro del Colosseo finanziato da Della Valle. Int.: Diego Della Valle (imprenditore), Gianni Alemanno (Sindaco di Roma), Giancarlo Galan (min. Beni Culturali).

23/06/2011 RAI DUE TG2 - 13.00_screenshot
23/06/2011 RAI DUE TG2 - 13.00 - Durata: 00.01.38
Conduttore: CAPULLI MARIA GRAZIA - Servizio di: ADELE AMMENDOLA
Roma. Il Colosseo è il monumento italiano più famoso al mondo. A breve inizierà l'opera di restauro. Provvedimenti Comune Roma. Int. D. Della Valle (gruppo Tod's).


Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 06.6723.2980 .2990    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2014 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 31-07-2012 16:18:29 | Rif: 92498


Id Asset: 92498 Generata il: Thu Dec 11 19:07:13 CET 2014 Tempo di esecuzione: 157 Categoria: Comunicati (665)