Particolare stilizzato della cupola del Pantheon, Roma

Cividale del friuli: si chiude una delle più sorprendenti campagne archeologiche degli ultimi anni. Dalla Necropoli della "Ferrovia" un tesoro inestimabile portato alla luce grazie al lavoro appassionato degli archeologi.

comunicato

Pubblicato il 04 aprile 2012

Cividale del friuli: si chiude una delle più sorprendenti campagne archeologiche degli ultimi anni. Dalla Necropoli della "Ferrovia" un  tesoro inestimabile portato alla luce grazie al lavoro appassionato degli archeologi.
Cividale del friuli: si chiude una delle più sorprendenti campagne archeologiche degli ultimi anni. Dalla Necropoli della "Ferrovia" un tesoro inestimabile portato alla luce grazie al lavoro appassionato degli archeologi.
Stampa
Sono destinate sicuramente a diventare il contrassegno di questa ultima, eccezionale campagna di scavo a Cividale: sono sei piccole croci d’oro che riassumono in un simbolo cristiano immagini ereditate dal mondo pagano, oggetti unici nel loro genere che sintetizzano perfettamente la fase di transizione dal mondo classico alle nuove realtà del primo Medioevo. Ma tanti altri sono gli oggetti trovati nelle 81 sepolture, sia maschili che femminili, venute alla luce grazie al lavoro non facile degli archeologi: numerosi gioielli in oro e argento, alcuni in pietra dura, sia di tipologia tipicamente longobarda che di matrice bizantina, numerose armi tradizionali, alcune con tracce di fodero in cuoio con decorazioni in bronzo. Una vasta necropoli, quella detta “della Ferrovia” perché situata, presumibilmente, tra la vecchia e la nuova stazione ferroviaria, con una stima di circa cinquecento sepolture: una parte consistente è stata già messa in luce grazie al lavoro serrato svolto dagli archeologi della ditta Ar?é, sotto la direzione scientifica della Soprintendenza. Resteranno da scavare, in futuro, ancora centinaia di tombe. Importanti i risultati di questa prima campagna di scavo: le 81 sepolture, tutte con corredo funebre, hanno consentito di disegnare la mappa di una necropoli composita, costituita da esponenti dell’aristocrazia longobarda e da persone, servi o subalterni, gravitanti attorno ad essi, individuati per l’assenza di corredo e perché sepolti in tombe adiacenti a quelle del gruppo familiare di appartenenza. Anche l’arco temporale è ampio: si va dalle sepolture più antiche, due delle quali, con tracce della cosiddetta casa funeraria in legno, si datano già all’ultimo terzo del VI secolo ed appartengono alla prima generazione di immigrati in Italia, alle più recenti, probabilmente quelle con cassa in muratura che, ad una prima analisi, possono essere riferite all’avanzato VII secolo. Tra gli oggetti raccolti, quelli più importanti saranno esposti in mostra durante la XIV Settimana della Cultura, presso il Museo Archeologico di Cividale, dove il giorno 17 aprile verranno illustrati i primi risultati degli scavi. Per ora la Soprintendenza sta valutando i costi per il restauro di tutti i reperti, in particolare per quelli in ferro, che deve essere avviato quanto prima per evitare il degrado e sta preparando un progetto di studio ed espositivo, anche nell’ambito delle attività di rete del sito “Italia Langobardorum” In prospettiva l’intento, in accordo con il Comune di Cividale, è quello di garantire la tutela della zona, prevedendo l’indagine sistematica e la valorizzazione di alcuni settori dell’importante necropoli.


Redattore: CARMELINA RUBINO






Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Via del Collegio Romano, 27 00186 Roma
Numero Verde: 800 99 11 99    URP: (+39) 06.6723.2980 .2990    Centralino MiBACT: (+39) 06.6723.1     scrivi al MiBAC

Valida questa pagina con gli strumenti del W3C © 2014 Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ultimo aggiornamento 04-04-2012 11:16:54 | Rif: 105632


Id Asset: 105632 Generata il: Sun Jan 05 07:06:56 CET 2014 Tempo di esecuzione: 90 Categoria: Comunicati (665)